Sesso, amore ed intimità nell’era di Facebook

Senza categoria

Mia Immagine

L’epoca odierna, caratterizzata da una modifica profonda del concetto di intimità e da un bisogno quasi imperante di apparire più che d’essere, vede modificarsi anche le relazioni d’amore e la sessualità, che si sono adeguate a questi nuovi luoghi e tempi dell’etere.

Facebook è tra i più frequentati social-network, un luogo simbolico e facilmente reperibile dove tutti trovano tutti, una versione rivisitata del vecchio elenco telefonico.

Mia Immagine

Per accedere diviene necessario compilare un modulo descrittivo di sé, che funge da manuale e da istruzioni per l’uso del mondo dell’altro.

Spesso molti adolescenti sfruttano Facebook creando quello che noi clinici chiamiamo un “falso sé”, una sorta di maschera che serve a celare il vero sè, nucleo profondo della psiche, più fragile e più intimo.

Facebook è un luogo di incontro e di scambi professionali, conoscitivi, amicali ed ovviamente di amori e di erotismo. Molti uomini e donne si incontrano, si corteggiano e si innamorano su facebook, trovando molto eccitante e trasgressivo scrivere messaggi, privati o molto spesso pubblici, ad un perfetto estraneo mai visto prima, che millanta desideri sessuali travolgenti e fantasie erotiche spregiudicate, solo dopo aver visionato le foto migliori ed un profilo personologico improntato spesso al falso sé.

Il quotidiano, emotivo e soprattutto sessuale, con un “compagno vero”, vivo, in carne ed ossa con umori, odori e malumori, diviene estremamente più faticoso e noioso. Il web crea un’atmosfera ad alto impatto visivo ed erotico, caratterizzato da immagini e messaggi ammiccanti e coinvolgenti senza possibilità di contatto e, soprattutto, senza il corpo dell’altro, elementi che paradossalmente amplificano il desiderio.

A volte sembrano resuscitare ex amanti o fidanzati, che creano immediatamente un romantico tuffo al cuore ed un amplificato effetto tachicardico a tempestivo beneficio antidepressivo; un ex amore che si ripropone evoca fantasie del passato e riaccende fuochi sepolti nella polvere del tempo trascorso. Nella mia pratica clinica quotidiana mi sono ritrovata a supportare donne tradite od abbandonate da amanti inesistenti, magari mai visti o sentiti, uomini che con il loro apparire esclusivamente sull’etere hanno facilitato immediati processi proiettivi, che amplificano ogni forma di innamoramento. Il vero problema si manifesta quando gli amori sembrano sopravvivere all’immediatezza del tempo e vengono trasferiti alla realtà: spesso in questi casi le conseguenze sono deleterie, questa traslazione infatti compromette immediatamente l’eccitazione ed il desiderio erotico che svaniscono, lentamente, in maniera direttamente proporzionale all’incremento del quotidiano vissuto.

Un corretto e sano utilizzo dell’etere rende vicini e complici anche in situazioni di lontananza geografica, ma la tentazione di un modifica profonda del concetto di intimità è sempre in agguato, specialmente per gli adolescenti, che provengono da un’assenza di educazione sentimentale e sessuale.

L’articolo Sesso, amore ed intimità nell’era di Facebook è stato inizialmente pubblicato su Farmaco e Cura Sessualità.

Mia Immagine