Mate – Yerba matè

Senza categoria

Mia Immagine

Mate – Yerba matè

Generalità

Mia Immagine

Il mate – detto anche tè paraguaiense – è l’infusione preparata con le foglie verdi o tostate di un agrifoglio sempreverde, che cresce spontaneo in Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay. Tale arbusto è noto in botanica con la nomenclatura binomiale Ilex paraguariensis.
Nei Paesi di lingua spagnola, l’infuso è conosciuto con il nome di yerba matè e rappresenta la bibita coloniale tradizionale per eccellenza, molto apprezzata come bevanda stimolante. Nomi alternativi della bevanda sono “Tè del Paraguay” o “Tè dei Gesuiti”, in quanto a loro si deve la diffusione in Europa della pianta.
Si stima che a livello mondiale, i consumatori di yerba mate siano più di 1 milione, concentrati prevalentemente negli stati del Sud America.
Il sapore dell’infuso è astringente (tannico) e amaro; il profumo è caratteristico e aromatico.
Parte utilizzata
Per la produzione del mate si recidono le parti terminali dei ramoscelli e le si espongono al calore per inattivare gli enzimi; in questo modo è possibile preservare il colore verde delle foglie, che vengono poi essiccate e spezzettate, quindi usate per preparare infusi. La torrefazione, seppur lieve, è anche importante per lo sviluppo di sostanze aromatiche che conferiscono all’infuso le relative caratteristiche organolettiche.
Principi Attivi

Insieme a caffè, tè e cacao, il mate è una delle fonti naturali più importanti di caffeina (talvolta chiamata impropriamente mateina).
Grazie all’abbondante presenza di questa sostanza, l’infuso viene tradizionalmente consumato come tonificante, cardiotonico e riequilibrante; nella medicina popolare Sudamericana trova impiego anche nella cura del mal di testa, dei problemi digestivi, dei reumatismi e dell’obesità.
Proprio l’effetto “brucia-grassi” riconducibile alla presenza di caffeina viene oltremodo amplificato dalle campagne marketing, che dipingono il mate come il “dimagrante ideale”, un eccellente rimedio naturale per perdere peso. In realtà, la dose di caffeina non è poi così importante e il suo effetto “dimagrante” sarebbe supportato da composti fenolici e dall’acido clorogenico. Ad ogni modo la mole di studi a riguardo è estremamente limitata.
Composizione in Principi Attivi

Ricondurre le proprietà del mate alla sola presenza di caffeina è quantomeno riduttivo.
Il matè, infatti, contiene;
alcaloidi purinici: i principali sono la caffeina (0,4-2,4%) e la teobromina (0,3-0,5%);
derivati dell’acido caffeico: compresi, tra gli altri, acido clorogenico (il mate è tra le principali fonti di questo antiossidante), acido neoclorogenico e acido criptoclorogenico;
flavonoidi: compresi, tra gli altri, rutina, isoquercitina e glicosidi kampferolici;
saponine triterpeniche;
Olio voltatile.
Il mate, inoltre, è anche:
una buona fonte di vitamina C (comunque notevolmente ridotta con l’essicazione e la conservazione);
ricco di proteine;
ricco di minerali come potassio, zinco, manganese, magnesio, calcio e ferro.
La “droga essiccata”, polverizzata o meno, viene consigliata agli sportivi e come coadiuvante nelle diete dimagranti. In quest’ultimo caso, oltre all’attività lipolitica della caffeina, si sfrutta anche l’attività diuretica del prodotto, che può risultare utile per combattere la ritenzione idrica (un “problema” particolarmente sentito da chi desidera perdere peso).
fonte : www.my-personaltrainer.it

Mia Immagine