REGRESSIONE E BLOCCO NATURALE DEL FIBROMA

Senza categoria

Mia Immagine

LETTERA

SONO ANCORA IN TEMPO PER EVITARE LA CHIRURGIA?

Mia Immagine

Buonasera, Le scrivo perché ho appena dato un’occhiata al suo blog e volevo capire se sono ancora in tempo per fare qualcosa. Nel 2011 mi sono sottoposta ad embolizzazione di un fibroma uterino di 6 cm. Da allora nessun problema, almeno fino a questo momento.

CONTROLLO PRE-INTERVENTO IN VISTA DELLA RIMOZIONE

Nell’ultimo anno ho avuto problemi di forte anemia e da ulteriori controlli ed ecografie è saltato fuori che il fibroma, ora, è di 10 cm. Mi è stato dato appuntamento per visita pre-intervento per poter programmare, appunto, intervento di rimozione.

CONDUCO VITA SANA E PIACEVOLE IN MONTAGNA

Nel frattempo sono sotto cura con ferro e vitamica C , nonché pastiglie di progesterone. Sono un po’ preoccupata perché ho resistito molto bene a tutti questi problemi. Conduco infatti una vita piacevole (vivo in montagna), faccio un lavoro che mi piace (sono apicoltrice), faccio sport e curo la mia alimentazione senza esagerare. Assumo prodotti erboristici per migliorare le mie difese (fermenti probiotici e prodotti per aiutare fegato e reni nei processi di depurazione), tutti prodotti validi della Aboca (giusto per fare un nome).

VORREI CAPIRE SE QUESTO FIBROMA PUÒ REGREDIRE SPONTANEAMENTE

Ecco, mi chiedevo se, nell’attesa dell’intervento (ci vorranno circa 4 mesi in cui mi daranno cure ormonali per prepararmi ad esso) io possa aiutarmi con l’alimentazione nel tentativo di capire se questo fibroma può regredire spontaneamente senza interventi troppo invasivi. Avrò la prima visita a metà gennaio. La ringrazio e la saluto. Colgo l’occasione per augurarle un Buon Anno.
Angela

*****

RISPOSTA

TOGLIERSI INNANZITUTTO DALLA MENTE L’IDEA ASPORTATIVA

Ciao Angela. Prima cosa parli in continuazione di intervento asportativo, e questo significa che sei entrata in quell’ordine di idee, che è poi quello tipico dei medici interventisti, motivati e spinti sempre e comunque verso l’operazione per quella serie di motivi economici che ormai tutti ben conosciamo.
Importante cancellare dalla mente la prospettiva dell’intervento e puntare a bloccare intanto la crescita del fibroma. Nel caso tuo specifico poi, dove non manca il supporto di un ambiente sano e ricco di motivazioni, c’è un solido motivo di più per difendere coi denti la tua integrità corporale.

NON ESISTE OBBLIGO A RIMUOVERE I FIBROMI

Dal momento che i fibromi quasi mai diventano maligni, si possono lasciare nell’organismo, a condizione che non comportino o provochino altri problemi. Pur avendo un fibroma in zona addominale che può essere sentito con pressione manuale, e che si può persino notare alla vista esterna, non è il caso di rimuoverlo, a meno che non sia assolutamente necessario. Da rilevare che molti fibromi tendono persino a scomparire da soli.

OPPORSI DECISAMENTE ALLE PRESSIONI MEDICHE

Tener presente che i fibromi tendono comunque a scomparire per remissione spontanea andando progressivamente verso la menopausa. D’accordo che sei immagino troppo giovane per rimandare il tutto a tale periodo. In ogni caso non esiste motivo per scagliarsi contro il sintomo chiamato fibroma. Farai bene a documentarti e a non essere cedevole e remissiva di fronte alle pressioni insistenti dei medici.

TESINE DA LEGGERE

– Fibromi, perdite ematiche e conseguente anemia, del 26/12/16
– Una dieta a contrasto della mia tumorosità vaginale, del 6/3/16
– Stop al fibroma con soluzioni naturali alternative, del 9/2/15
– Fibromiomi uterini e scelte alimentar, del 12/7/15
– Autolisi del mioma senza panico e senza paura, del 17/10/13
– Scomparsi mioma uterino da 13 cm e artrosi invalidante, del 26/9/13
– Cancro senza veli, dell’8/11/12
– Procedura ultrasuoni per ridurre i miomi uterini, del 14/7/12
– Mioma uterino scomparso e noduli tiroidei ritirati, del 9/7/12
– Fibromiomi uterini da ridurre con digiuno e dieta, del 6/6/12
– Disgregazione mioma e supporto psicologico, del 2/2/11
– Mioma uterino intramiscolare, dell’8/3/11
– Fibromi e miomi da disgregare e non asportare, del 30/6/10

Valdo Vaccaro

Mia Immagine