OCCLUSIONE INTESTINALE DA FITOBENZOARI E DIETA POST-INTERVENTO

Senza categoria

Mia Immagine

LETTERA

TROPPE FIBRE CRUDE, TROPPA FRETTA NEL MANGIARE E INTESTINO MALCONCIO
Valdo buonasera! Ti scrivo mentre fra qualche ora verrò operata per un Fitobezoar gastrico bello grosso, 8 cm. Sono 3 anni che mangio tendenzialmente crudista, ma forse ho condotto male la Transizione, forse troppo di corsa, troppe fibre crude in un intestino malconcio. Sta di fatto che gli Ospedali sono pieni di onnivori, ma se arriva un Vegano si grida allo scandalo.

Mia Immagine

MEDICI ANTIVEGANI FAVOREVOLI A GELATI E BUDINI

I medici mi hanno detto di tutto, che sono pazza a mangiare Vegano. Da 3 giorni mi hanno tolto le fibre, loro vorrebbero darmi solo gelati e budini, ma se li possono tenere. In attesa dell’intervento ho mangiato patate cotte a purea e semolino.

COME RIPRENDERE NEL POST-INTERVENTO?

Ovviamente un intestino abituato a crudo come il mio, ora è bloccato, ma per loro non è un problema: ci sono i lassativi. Ora mi rivolgo a Te per il post intervento: come riprendo? Vegano ovvio, ma come mi consigli di modularlo i primi tempi Valdo caro? Grazie con la stima di sempre!
Adelina

*****
RISPOSTA

CORPO ESTRANEO COMMISTO A CIBO

Cio Adelina. Bezoario è un termine che deriva dal persiano pad (protezione) e zahr (veleno), divenuto in arabo bazhar ed in latino medievale bezoar. Indica un corpo estraneo commisto a cibo, presente nelle vie digerenti di alcuni ruminanti ma anche dell’uomo. I bezoari sono masse di materiale parzialmente o totalmente indigeribile, ovvero inattaccabile dai secreti gastroenterici, che si formano generalmente nello stomaco e possono causare disturbi dispeptici vari fino all’occlusione gastrointestinale.

FITOBEZOARI DA FIBRE VEGETALI INDIGERITE

A seconda della loro composizione si classificano in quattro categorie: fitobezoari, costituiti da fibre vegetali, tricobezoari, ovvero ammassi di capelli, osservati per lo più in soggetti affetti da turbe psichiche, tricofitobezoari, a composizione mista, ortobezoari, quando su un nucleo di origine animale o vegetale si depositano dei sali minerali.

TROPPA CELLULOSA, INSUFFICIENZA MASTICATORIA E FRETTA NEL MANGIARE

L’ingestione abbondante di cibi ricchi di cellulosa, come verdure e frutta, è generalmente presente nell’anamnesi del paziente, in concomitanza con difetti masticatori da edentulia o semplicemente con cattive abitudini alimentari, tipo eccessiva fretta nel mangiare e nel deglutire.

DIETA POST OPERATORIA

Per la dieta posti-intervento si consiglia di non riempirsi troppo di cibo, ma di smettere non appena ci si sente sazi. Fare poi attenzione a masticare bene e a lungo, specie le crudità. Evitare zuccheri, fritti, salse irritanti, caffè, bevande gassate ed alcoliche. Preferire all’inizio verdure leggermente cotte o saltate in padella, alle verdure crude che saranno poi reintrodotte progressivamente nella dieta. Dare preferenza a patate, carote, cavoli, riso integrale con verdure, miglio e saraceno con verdure.

Valdo Vaccaro

Mia Immagine