Sopravvive all’aborto ma il suo gemello purtroppo no. Ecco cosa racconta Claire

Senza categoria

Mia Immagine

Mia Immagine

La storia di Claire Culwell, ha lasciato il mondo senza parole. Il suo caso, è davvero molto particolare. La ragazza ha raccontato quello che le è capitato.

Ecco cosa ha raccontato: “Mi chiamo Claire Culwell, per chi non conosce la mia storia, sono sopravvissuta ad un aborto di una gravidanza avanzata. Mia madre, all’epoca, aveva 13 anni, ha abortito mentre era incinta di me e del mio gemello, al quinto mese di gravidanza. La pratica di interruzione riuscì per mio fratello ma non per me, non si erano accorti della mia esistenza. Allora mia madre tornò in clinica… dopo fu inviata in un ‘centro di aborti per gravidanze avanzate’ in Kansas.”

Tutto questo accadde nel 1988, nella clinica per gravidanze avanzate di Tiller (famoso abortista in gravidanze avanzate morto ammazzato da un anti-abortista). Nella clinica però non accettarono la donna.

Ecco cosa racconta Claire: “Dopo aver studiato lo stato di salute di mia madre, l’abortista si rifiutò di farla abortire, i rischi erano potenzialmente letali.” Il medico dell’epoca era proprio Kermit Gosnell, condannato per omicidio allo sconto di un ergastolo per l’assassinio di tre bambini nati vivi nella sua clinica. Tra i capi di accusa, anche colposo per overdose di una donna a cui aveva praticato un aborto in gravidanza avanzata.

Claire quando ha saputo tutto quello che ha preceduto la sua nascita, è rimasta sconvolta, ma negli anni ha cercato di superare lo shock. Il suo post sui social, racconta, infatti, di un episodio recente: “La settimana scorsa stavo studiando la ‘Lettera ai Romani’ insieme a mio padre… uno dei versi diceva: ‘Cristo morì per i peccatori’. È questo che voglio comunicare agli altri. Io ho perdonato mia madre, sua madre che l’ha costretta ad abortire e il dottore che ha ucciso il mio gemello. La mia intenzione è stata sempre quella di conoscere l’uomo che ha praticato l’aborto a mia madre, la stessa che ha ammazzato mio fratello o mia sorella. Lo avrei perdonato. Se Dio può perdonare, perché io non dovrei? Voglio che vediate le foto della mia infanzia e di mia figlia… le cose più belle che ho non sarebbero mai accadute se l’aborto avesse avuto successo. Mia madre? È una donna bellissima, che non ha potuto vivere come avrebbe dovuto la sua infanzia spazzata via troppo presto, a 13 anni per una gravidanza indesiderata. Voglio raccontarle le gioie della quotidianità, dell’amore e della felicità…”.

Claire ha un pensiero molto chiaro sull’aborto: “Ancora oggi ci sono medici che praticano l’aborto quando ormai non si potrebbe più. Io prego tutti i giorni per queste persone, per la loro anima. Spero che un giorno riescano a trovare la retta via e che il Signore li perdoni. Spero che lo facciate anche voi. Dopo tutto siamo essere pienamente liberi di perdonare”.  
Claire è un vero esempio di bontà e di fede. Speriamo che le sue parole possano essere d’aiuto a molte donne che come sua madre si trovano a prendere decisioni molto difficili.

[Fonte consultata: Bigodino]

Source link

Mia Immagine