La FIMP esprime grande soddisfazione per l’ok definitivo al decreto vaccini

Senza categoria

Mia Immagine

medici-chirurghi-corsia

logo-fimp-federazione-italiana-medici-pediatri

Mia Immagine

Dott. Giampietro Chiamenti: “E’ arrivata dalle Istituzioni una risposta efficace ad un grave problema di salute pubblica. Ora va instaurato un dialogo costruttivo anche con i cittadini più diffidenti”

dott-giampietro-chiamenti-fimp

Dott. Giampietro Chiamenti

Roma, 28 luglio 2017 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) esprime grande soddisfazione per il via libera definitivo al decreto vaccini. Finalmente dalle Istituzioni è arrivata una risposta concreta ed efficace per risolvere un grave problema di salute pubblica come il calo delle vaccinazioni”.

E’ questo il commento del dott. Giampietro Chiamenti (Presidente della FIMP) dopo la votazione di oggi da parte della Camera dei Deputati. “Il nostro auspicio adesso è che le nuove norme, introdotte dal decreto attuativo, siano efficaci e consentano l’effettiva obbligatorietà per tutte le vaccinazioni previste dalla nuova legge – prosegue Chiamenti – Come pediatri, e quindi specialisti della salute e del benessere dei giovanissimi, siamo pronti a fare la nostra parte nell’interesse dell’intera collettività e ad assumerci anche nuovi compiti. Da anni la nostra Federazione è impegnata affinché siano garantiti i vaccini a tutti i bambini e adolescenti residenti nel nostro Paese. Purtroppo in Italia stiamo assistendo ad una sempre crescente diffidenza verso dei presidi sanitari salva vita. La nuova legge approvata dal Parlamento deve essere solo un primo passo per convincere tutti i cittadini dell’estrema importanza di sottoporsi alle immunizzazioni”.

“Dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale, per l’iscrizione a scuola dei figli, c’è bisogno di un vero e proprio cambiamento culturale – conclude Chiamenti – Dobbiamo aumentare il livello di consapevolezza circa l’importanza della prevenzione attraverso nuove campagne informative e un dialogo costruttivo con tutte le famiglie e i cittadini, soprattutto quelli più diffidenti verso i vaccini”.

Mia Immagine