Ige totali, cosa sono e come funzionano

Senza categoria

Mia Immagine

Le immunoglobuline E (IgE) sono degli anticorpi, proteine del sistema immunitario, collegate alle reazioni allergiche come alle reazioni di difesa del nostro corpo rispetto a dei parassiti intestinali.

Mia Immagine

L’immunoglobuline E (IgE) è un tipo di anticorpo (o isotipo di immunoglobulina (Ig)) che è stato trovato solo nei mammiferi. L’IgE è sintetizzato dalle cellule plasmatiche.

L’immunoglobuline E (IgE), qual è il loro ruolo

L’IgE ha anche un ruolo essenziale nell’ipersensibilità di tipo I, che si manifesta in varie malattie allergiche, come l’asma allergico, la maggior parte dei tipi di sinusite, la rinite allergica, le allergie alimentari e tipi specifici di orticaria cronica e dermatite atopica. L’IgE svolge anche un ruolo fondamentale nelle risposte agli allergeni, come ad esempio: farmaci anafilattici, punture di api e preparati antigeni utilizzati per immunoterapia desensibilizzante.

Perché può essere richiesto l’esame?

L’esame può essere segnato dal medico per indagare alcuni aspetti:

  • allergeni inalanti (pollini, acari, allergia agli animali domestici, muffe, …);
  • allergeni alimentari (arachidi, crostacei, soia, …);
  • farmaci;
  • veleno di insetti,
  • lattice.

IgE, quando richiedere l’esame

Generalmente il medico prescrive diversi esami delle IgE se il soggetto mostra una che induce a considerare ad un’allergia ad una o più sostanze distinte. In genere si considera anche alla situazione familiare per osservare se ci sono state altre allergie. Viene prestata particolare attenzione a sintomi o tratti quali: voce rauca, orticaria, dermatite, gonfiore, nausea, vomito, diarrea, crampi, tosse, broncospasmo, congestione nasale, difficoltà respiratoria, aritmie, pressione bassa,  sistema nervoso, capogiri, vertigini, svenimento.

Ige totali, cosa sono e come funzionano

Il test relativo alle IgE totali può essere utilizzato per aiutare a monitorare e rilevare le allergie. Questo esame misura la quantità complessiva di immunoglobulina E nel sangue. Questo può essere prescritto da sé, prima o insieme al test IgE specifici, a seconda che un medico abbia identificato potenziali sostanze a cui la persona possa essere allergica o no.

L’immunoglobuline E (IgE) è un anticorpo prodotto dal sistema immunitario del corpo in risposta a una minaccia percepita. È una delle cinque classi di immunoglobuline ed è normalmente presente nel sangue in quantità molto piccole. L’IgE è associata a risposte allergiche, tra cui l’asma e, in misura minore, l’immunità ai parassiti. L’IgE può essere aumentato da infezioni parassitarie, pertanto un test IgE totale è talvolta usato come test di screening se si sospetta un’infezione parassitaria.

Un aumento del livello totale di IgE indica che è molto probabile che la persona ha una o più allergie. I livelli IgE specifici di allergene aumenteranno dopo un’esposizione e poi diminuiranno nel tempo, influenzando così il livello totale di IgE. Se una persona è allergica a una sostanza stagionale, come il polline, allora l’IgE specifico e l’IgE totale dovrebbe aumentare durante l’anno in cui l’allergene è presente. Se qualcuno ha una o più allergie alimentari, allora il livello totale di IgE rispecchia l’esposizione a questo alimenti. Se qualcuno è allergico a qualcosa che è costantemente presente, come la muffa in una casa o il gatto, allora il livello totale di IgE può avere un aumento persistente.

Un livello elevato di IgE totale indica che un processo allergico è probabile, ma non indica a che cosa una persona è allergica. In generale, maggiore è il numero di cose per cui una persona è allergica, maggiore è il livello totale di IgE. L’elevazione di IgE può anche indicare la presenza di un’infezione parassitaria ma non può essere utilizzata per determinare il tipo di infezione.

L’articolo Ige totali, cosa sono e come funzionano sembra essere il primo su Almeglio.it.

Mia Immagine