Terremoto, Anas: “Riaperta al traffico locale la Sp 209 “Valnerina””

Riaperta in modalita’ provvisoria per il traffico locale, la strada provinciale 209 “Valnerina”, nel tratto gravemente danneggiato dal terremoto dello scorso 30 ottobre nel comune di Visso, in provincia di Macerata. I lavori, avviati dall’Anas lo scorso 17 agosto dopo una complessa attivita’ di indagini geologiche, rilievi tecnici e progettazione, hanno infatti consentito di mettere

L’articolo Terremoto, Anas: “Riaperta al traffico locale la Sp 209 “Valnerina”” sembra essere il primo su Meteo Web.

Domenica 22 ottobre, Pordenone: Ludobussì, giochi e animazioni per bambini e famiglie

XII Festa nazionale del gioco itinerante. Giochi, animazioni e laboratori in centro città. Per tutti i bambini 0-99 anni e le loro famiglie! Quando: il 22/10/2017 dalle 10:00 alle 18:00 Dove: Piazza Risorgimento e vie del centro di Pordenone In caso di brutto tempo: in caso di maltempo la manifestazione avrà luogo in luogo coperto Contatto: Melarancia Segui questo …

Film da guardare ad Halloween per bambini: ad ognuno il suo

Si avvicina la notte più paurosa dell’anno: che ne dite di guardare qualche film con i nostri bambini per restare nell’atmosfera inquietante e mostruosa di Halloween?Di film “horror” più o meno spaventosi per i piccoli di casa ce ne sono tanti e, cosa più importante, adatti a tutte le fasce di età.I film di Halloween per i bambini da non perdereCome già saprai, l’atmosfera di Halloween è in tutto e per tutto spaventosa, e i bambini diventano euforici quando pensano di poter incutere timore ai grandi e concedersi qualche piccolo scherzetto. Per vivere appieno questa festa, concediti qualche momento in […]

L’articolo Film da guardare ad Halloween per bambini: ad ognuno il suo sembra essere il primo su Mamme.it.

Terremoto, Ceriscioli: “L’investimento sulla Salaria è un bel segnale”

“La Salaria è il collegamento naturale tra l’area del Piceno e Roma, il suo potenziamento è molto significativo, interessa le Marche nella parte più colpita dal Terremoto. Attraverso le strade passano le opportunità perché servono alle imprese, al turismo, all’economia del luogo. Economia è il primo welfare’‘. Cosi’ il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli a

L’articolo Terremoto, Ceriscioli: “L’investimento sulla Salaria è un bel segnale” sembra essere il primo su Meteo Web.

In attesa 16 ore per un raschiamento: la denuncia di una donna

ll racconto di una giornalista in attesa 16 ore per un raschiamento, che denuncia: “Non ho perso solo mio figlio ma anche la mia dignità”. È possibile restare in attesa 16 ore per un raschiamento? A quanto pare sì, perché è ciò che è avvenuto al Fatebenefratelli di Roma a una donna, Francesca Robertiniello, che è anche una giornalista. La Robertiniello ha deciso infatti di affidare la propria denuncia a una lunga lettera inviata al quotidiano “La Repubblica”. Una cronaca sofferta che l’ha vista in attesa 16 ore per un raschiamento, un intervento psicologicamente assai delicato che sarebbe dovuto durare non più di 15 minuti. E che, invece, si è trasformato in una odissea personale. La sera del 9 ottobre le comunicano, a seguito di alcune perdite sospette, che non c’è più battito e il feto è morto. “Non c’è urgenza di fare il raschiamento, ma è fortunata: giovedì 12 abbiamo un posto. Alle 7.30″, le dicono. “La sera di mercoledì 11 smetto di bere e mangiare. L’indomani, alle 7.15, mi presento al pronto soccorso.” Alle ore 10.30 le comunicano che il raschiamento è inevitabile. “La portiamo nel reparto di ostetricia – le annunciano – Non abbiamo letti disponibili, ma le daremo una barella finché non si libera qualcosa”. E qui inizia il calvario. “Il verdetto, dopo oltre due ore di attesa. Mezzora dopo sono seduta su una barella in una stanza con tre donne alle fasi finali della loro gravidanza. Io che un figlio l’ho perso, sono a disagio. Lascio la barella per un letto vero. Mi cambio e attendo l’arrivo delle infermiere per le analisi preliminari”. Intorno alle 12.30, una dottoressa le consegna le carte per il consenso all’operazione, cui seguirà poco dopo, la conferma ufficiale del raschiamento. “In un paio d’ore – scrive Robertiello – un ovulo mi avrebbe provocato perdite ematiche e forti contrazioni dell’utero. Torno in stanza e leggo le informazioni sull’intervento. Ma sono come i bugiardini delle medicine. Le mie compagne hanno consumato il pranzo, mentre io cerco di non pensare a quanta fame e sete ho. Voglio solo che quest’incubo finisca presto. Senza opporre resistenza mi faccio inserire l’ovulo, prendo l’antibiotico, saluto il mio compagno e per ingannare il tempo provo a riposare un po’. Due ore dopo iniziano contrazioni e perdite”. I dolori intanto continuano, senza tregua, ma ancora nessuno viene a chiamarla per l’intervento. Invece, le viene risposto che la sala operatoria è occupata e che ci sono altre urgenze. “’Posso farle una dose di morfina’, incalza l’anestesista. Il mio compagno mi bagna le labbra con una garza imbevuta di acqua per lenire la mia sofferenza e maschera la rabbia per la profonda mancanza di rispetto che mi dimostrano da ore. Rifiuto la morfina, ma il dolore non mi lascia scelta. L’ora dell’intervento è ancora lontana.” Ancora alle 17.30 niente, nessun intervento. Ma la morfina fa effetto e lo stordimento, unito al digiuno che va avanti da almeno 20 ore, è fortissimo. Alle 19.45 “finalmente mi portano in sala operatoria. Mi riga il volto una lacrima, non ho le forze né di avere paura né di sentirmi sollevata. Alcune domande preliminari, il posizionamento e poi il buio. Tre quarti d’ora dopo, è tutto finito. “Mi risveglio in una sala gelida. Nessun medico. Accanto a me c’è una donna reduce da un parto cesareo. Le sorrido, ma vorrei capire se sto bene. Mi sollevo piano, prendo la cartella che ho ai piedi e cerco il mio referto. L’umanità del medico è un foglio di carta stampata.” Alle 21 la donna viene riportata in camera, ma il medico che l’ha operata non c’è. “’Lo incontrerà domani, dopo aver trascorso qui la notte’. Day Hospital, dicevano. Ed io avevo voglia di dormire, ma nel mio letto. È notte, mangio e bevo quanto basta per rimettermi in forze. Firmo la liberatoria e vado via”. La donna, in attesa da 16 ore per un raschiamento, il giorno dopo può lasciare l’ospedale. E la sua lettera-denuncia, si conclude così. “Ventiquattro senza mangiare né bere. Non importa se vieni dal Sud e se pensi di aver già visto abbastanza, il punto sembra essere sempre quello: in Italia devi pagare o conoscere qualcuno per ricevere un trattamento umano. E non importa a nessuno se stai vivendo un dramma. Giovedì sera ho perso del tutto il mio piccolo compagno di viaggio di 2,4 cm e in quell’ospedale ho perso parte della mia dignità di donna e di madre. Anche se solo in potenza”.         Leggi anche: VIOLENZA OSTETRICA: MALTRATTATA DURANTE IL PARTO UNA DONNA SU 5 INSULTATA MENTRE PARTORIVA, LA DENUNCIA CHOC DI UNA DONNA  

L’articolo In attesa 16 ore per un raschiamento: la denuncia di una donna sembra essere il primo su Responsabile Civile.

Il bambino irraggiungibile

Storia di un ragazzo autistico non verbale ma pensante. di Manuel Sirianni Manuel è un bambino di diciotto mesi quando le prime parole pronunciate se ne vanno e la sua vita cambia all’improvviso. L’autismo lo chiude nel silenzio ma non nell’isolamento: dopo un lungo percorso di grande difficoltà per lui e la sua famiglia, Manuel a […]

Alla scoperta dello Spazio: al timone ci sono le onde gravitazionali

Per la prima volta nella storia dell’osservazione dell’universo, è stata rivelata un’onda gravitazionale prodotta dalla fusione di due stelle di neutroni e captata, dalle onde radio fino ai raggi gamma, la radiazione elettromagnetica associata alla poderosa esplosione avvenuta durante il fenomeno. È la prima volta che un evento cosmico viene osservato sia nelle onde gravitazionali che elettromagnetiche, avviando così l’era dell’astronomia multimessaggero, che estende notevolmente il nostro modo di “vedere” e “ascoltare” il cosmo. La scoperta è stata realizzata grazie alla sinergia tra i due Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (l’Osservatorio LIGO) negli Stati Uniti insieme al rivelatore VIRGO, in Europa, abbinata alle osservazioni e alle indagini nella banda elettromagnetica ottenute da 70 telescopi a terra, tra cui REM, VST, VLT, e osservatori spaziali, come Fermi e Integral, Swift, Chandra, Hubble, che hanno permesso di caratterizzare in modo chiaro l’origine dell’onda.